La geometria della moda

Mi rendo sempre più conto di quanto, da quando studio architettura, il mio gusto personale si sia modificato anche in fatto di abiti e accessori: se prima, osservando un oggetto, mi limitavo a decretarne la bellezza/bruttezza, ora mi soffermo molto di più sulla forma, l’armonia, l’equilibrio delle linee e dei materiali, l’asimmetria, le contaminazioni. Guardate per esempio queste immagini, salvate sul mio pc: notate abbiano qualcosa in comune tra di loro?
United Nude by Mattijs van Bergen
Origami di Alejandro Ingelmo


Raphael Young
Clutch in legno di Nada Sawaya
Aperlai

Cling by Michael Lemerich
Ecco ciò che noto da quando frequento l'università: la geometria dell'oggetto e la sua possibile modularità. L'architettura fa male!



 

Follow Superflua - mente

1 commenti:

~Juliet ha detto...

ahahah geniale! ti capisco eccome, studentessa di architettura anch'io :) è cambiata la mia visione di.. tutto praticamente!

Posta un commento

Il commento è libero ma i fatti sono sacri.

C. P. Scott