Chanel's FAIL

Ebbene, questa fascia non è il nuovo accessorio per un Jack Sparrow del 2010, bensì una benda che grazie alla pressione sulla pelle stampa il marchio Chanel sulla fronte. L'inventore è Ryan McSorley che dice:
Vogliamo essere diversi dalla masse. Così come ci possiamo differenziare sulla base della marche di vestiti che indossiamo, ora possiamo applicare questo principio alla marca di prodotti per la pelle che usiamo. Se usi un prodotto Chanel, vuoi che la gente sappia che usi questa marca, allo stesso modo di un abito.
Prima ci sono stati i tatuaggi (ne ho parlato qui) che, pur essendo un'ottima trovata per pubblicizzare il marchio gratuitamente, potevano essere anche un'idea carina. Ora ci sono addirittura gli stampini: indubbiamente quell' uomo è un genio, sa come spennare i suoi polli.
Poi mi chiedo: a quando la marchiatura a fuoco sul sedere?
Questi sono segni inequivocabili dell’imminente estinzione del genere umano, miei signori.
Ma guardiamo il lato positivo della cosa: non ci sarà più bisogno di cercare gli imbecilli tra la folla, si faranno riconoscere da soli.
Follow Superflua - mente

6 commenti:

lovely objects used ha detto...

ha ha ! mi sa che hai ragione, si faranno riconoscere sicuramente ! ^_^

Anonimo ha detto...

Bellissima la frase conclusiva! E sono pienamente d' accordo!
Maya

MEF ha detto...

ahah bellissimo i tatuaggi sono carini ma questa è un follia!

VISIT MY NEW BLOG http://fashionmef.blogspot.com/

the girl in the sky with diamonds. ha detto...

è una cosa orribile, è come marchiarsi terribile!

Material Boy ha detto...

Comincio a pensare che la gente non è poi così normale... e con questo non intendo chi inventa sta roba (perchè sa che qualcuno la comprerà) ma chi se la compra e se ne vada in giro così conciato! Mah...

youhavetodigoutyourself.blogspot.com

ElyZa ha detto...

Hahahaha! Hai veramente ragione! Se siamo arrivati al punto di stamparci in fronte un marchio c'è proprio qualcosa che non va...

Posta un commento

Il commento è libero ma i fatti sono sacri.

C. P. Scott